PIENZA: LA CITTA’ IDEALE

Pienza è un piccolo borgo nel sud della Toscana.

Si trova a pochi chilometri da Montalcino e Montepulciano, nella bellissima regione della Val d’Orcia a sud di Siena, tra sinuose colline e favolosi panorami. Pienza gode di una posizione davvero strategica: arroccata sulla cima ad un colle, che domina tutta la valle dell’Orcia con una vista mozzafiato.

Questo incantevole borgo, dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità nel 1996, è conosciuto come la “città ideale” del Rinascimento.

LA NASCITA DI PIENZA

La città nacque con il nome di Corsignano e lo conservò fino al 1462.

Le sorti – ed il nome! – di questo piccolo borgo cambiarono dopo una visita del suo più illustre cittadino: Papa Pio II, al secolo Enea Silvio Piccolomini. Il papa, in viaggio per Mantova, si fermò nel suo borgo natio e, constatandone il degrado, decise di ricostruire la città ed affidò il progetto all’architetto Bernardo Rossellino.

Dopo soli quattro anni di lavori nacque Pienza, un luogo pieno di armonia ed eleganza: la città ideale del Rinascimento. Pio II morì prematuramente ed i suoi progetti vennero realizzati solo in parte, tuttavia la città resta uno degli esempi più significativi di progettazione urbanistica razionale del nostro Rinascimento.

Gran parte degli edifici di interesse storico artistico di Pienza si affacciano sulla suggestiva piazza dedicata a Pio II: la Cattedrale, il Palazzo Comunale, Palazzo Piccolomini e Palazzo Borgia (sede del Museo Diocesano).

COSA VISITARE

Il Duomo o Cattedrale dell’Assunta ospita importanti dipinti dei più rinomati artisti del tempo, mentre il suo campanile ottagonale si erge sopra l’antica cripta puntando verso il cielo.

Tuttavia l’aspetto più interessante della cattedrale sono i suoi sotterranei, noti anche come “labirinto”.

Fin dal giorno della sua inaugurazione, infatti, la Cattedrale mostrò le prime crepe. Lo stesso Pio II scrisse “il tempo dirà se si tratta della crepatura della calce o qualcosa di peggio.”

Nel corso dei secoli sono stati fatti sforzi sovrumani per restaurare e sostenere il monumento, si tratta di un fenomeno unico che il filosofo Bruno Queysanne definì come “instabilità durevole”.

Il “Labirinto” è un percorso sotterraneo nelle viscere della Cattedrale, un’esperienza unica e stupefacente attraverso i secoli che racconta, meglio di qualsiasi altra cosa, la storia di un monumento bello e fragile e la lotta di una comunità per mantenerlo in vita.

Alla destra del Duomo sorge l’imponente Palazzo Piccolomini. Dalla sua loggia si può ammirare un panorama davvero unico su tutta la valle dell’Orcia, da Montalcino fino al Monte Amiata.  Il palazzo venne scelto da Franco Zeffirelli per girare alcune scene del suo famoso film Romeo e Giulietta. Qui i due “amanti nati sotto cattiva stella” si incontrano per la prima volta durante la festa in casa Capuleti.

Infine c’è la Pieve di Corsignano.

Dal centro di Pienza, seguendo le indicazioni, si arriva alla Pieve con una breve passeggiata lungo il fianco della collina. La Pieve è una costruzione romanica per lo più risalente al XII secolo, con tre navate spartite da pilastri quadrangolari.

Nella sua semplice fonte battesimale furono battezzati i futuri pontefici Pio II e Pio III.

L’interno ha un aspetto rustico, perlopiù frutto di un restauro del 1925.

LA FIERA DEL CACIO

Pienza è anche la città del cacio!

Il pecorino di Pienza è una specialità con una lunga tradizione. Persino Lorenzo il Magnifico ne era ghiotto e si recava ogni anno in Val d’Orcia per poterlo degustare.

Il sapore unico di questo pecorino è dovuto ai terreni argillosi su cui pascolano le pecore di razza sarda. Le erbe profumate dei campi danno al latte un sapore peculiare di castagna, alloro ed erbacei.

Il borgo è pieno di piccoli ed incantevoli negozi che vendono tantissime varietà di pecorini, più o meno stagionati, insieme a tantissimi altri prodotti locali tipici, come vini, spezie, pici e miele.

Infine, se capitate a Pienza nel primo weekend di settembre, non perdetevi la famosa Fiera del Cacio, una grande festa dedicata al pecorino e ad altri prodotti della tradizione locale.

Durante l’evento si svolge anche un divertente gioco folkloristico di antiche origini. E’ il Palio del Cacio Fuso, dove i giocatori di ogni contrada del paese devono spingere e far rotolare intere forme di pecorino intorno ad un piccolo fuso di legno collocato al centro della piazza principale.

Leggi anche: 5 SEGRETI DI FIRENZE

7 pensieri su “PIENZA: LA CITTA’ IDEALE

  1. E’ veramente da tantissimo tempo che vorrei visitare Pienza, essendo un patrimonio dell’umanità! Spero di riuscirci un giorno, tra l’altro non sapevo che fosse la patria del Cacio, che bontà 😀

  2. Piena la città ideale, verissimo, è anche il mio borgo del cuore di questa zona. Rivedere questi scorci mi fa voglia di ritornarci presto, che meraviglia!

  3. Lisa Trevaligie Travelblog – Ciao, sono Annalisa, mammablogger e viaggiatrice incallita. La nostra è una famiglia vagabonda, sempre alla scoperta di nuovi posti da vivere. Viaggio per raccontare i luoghi attraverso le parole e le immagini. Che sia per un mese o per un fine settimana, le nostre tre valigie sono sempre pronte. Segui le nostre avventure on the road.
    Lisa Trevaligie Travelblog

    Torno a Pienza ogni anno, e ogni anno me ne innamoro un pò di più. Il borgo mi incanta sempre e devo dire che è una vera fonte di ispirazione per me. I formaggi poi….che delizia!

  4. Innanzitutto complimenti per l’articolo su Pienza, dettagliato e ricco di informazioni. E poi complimenti per il tuo payoff …lo adoro! È anche il mio modo di viaggiare.

    Ma tornando alla visita di Pienza, sappi che ancora non ci sono stata e quindi, i tuoi suggerimenti mi saranno di grande aiuto per organizzarmi!

  5. Donna Vagabonda - Travel Blogger e fotografa naturalistica – Donna Vagabonda - Travelblogger e fotografa naturalistica Scopri il blog di chi viaggia sognando! Https://donnavagabonda.com
    Eliana

    Pienza è uno dei miei luoghi del cuore: ho una foto appesa in camera da letto che mi ritrae adolescente con il mio Jack, il mio unico cagnolone che ho avuto, e ogni volta che la riguardo penso alla bellezza di questo luogo e alle emozioni che ancora mi trasmette.

  6. La Toscana ha molte chicche e si, decisamente Pienza è una di queste, un luogo dove trovare storia, cultura, buona cucina e panorami mozzafiato

Rispondi Annulla risposta